Luce - Veicolo di informazioni

La luce è energia, ciò che gli indiani chiamano Prana. Se la osservi puoi scorgere l’impeto con cui penetra ogni cosa, riempiendo le lacerazioni create dalla paura che spesso pervade le coscienze, bonificando ciò che appare perduto. All’alba i mostri scompaiono, lasciando spazio alla luce. All’amore di Dio.

Ogni istante il sole emana luce, ammassi di energia pura, priva di contaminazioni di natura materiale, su questo pianeta.

Essa appare alla scienza come un grattacapo, perché trasmette energia, senza avere una massa, ovvero materia al proprio interno.

Nulla può superare la velocità della luce, anche se in laboratorio hanno sviluppato tecnologie in grado di prevedere l’arrivo della luce e propagare il segnale.

Questo perché la luce è l’energia con cui viene propagato un segnale. Un segnale nel senso di uno stream di informazioni, per usare un termine in uso nel mondo delle telecomunicazioni.

L’intuizione deriva da un’esperienza romana.

Manuela viveva a casa di Giovanna, una delle donne più in in gamba che io abbia mai conosciuto. Colta, inarrestabile eppure amorevole e gioiosa con tutti.

La stanza di Manuela aveva una finestra che dava verso un minuscolo cortiletto interno. Ogni mattina entrava la luce, in quanto non vi erano tapparelle.

Ogni mattina, al sorgere del sole, mi svegliavo e nel dormiveglia osservavo la luce filtrare. Svuotato dei pensieri, cominciai a prestare attenzione ai dettagli di ciò che osservo. 

Al mattino la luce è energia, ciò che gli indiani chiamano Prana. Se la osservi puoi scorgere l’impeto con cui penetra ogni cosa, riempiendo le lacerazioni create dalla paura che spesso pervade le coscienze, bonificando anche ciò che appare perduto.


All’alba i mostri scompaiono, lasciano spazio alla luce. L’amore di Dio.

L'osservazione mi porta a vedere oltre.
Qualcosa appare come fossero immagini che ruotano in cerchi concentrici. Ogni cosa è composta da immagini ed ogni ruota gira attorna ad una più grande, che ne circonda una più piccola. 

Cosa succede? Cos'è celato nella luce? La luce porta con se informazioni. Simboli come immagini, geroglifici, proprio come quelli egizi, immediatamente intelleggibili dalle nostre anime. Istruzioni su cosa dobbiamo fare e con esse anche l’energia per realizzare ciò che ci viene chiesto.

Il suono è luce, la luce energia, l’energia trasporta immagini, le immagini informazioni. 

Altro che fibra ottica.

Una domanda mi scuote i pensieri: chi è il destinatario di queste informazioni?
Tutti. 

Ogni manifestazione nel cosmo appare come un sistema organico di coscienze in continua evoluzione.

I pensieri nel nostro cervello appaiono come una sequenza di immagini sovrapposte, in rapida successione, collegate assieme da un fattor comune, quello che definiamo filo logico.

Le immagini del passato sono accadimenti che ricordiamo, imbrigliati nel nostro sistema cerebrale. Eventi che non ci sono più e che il cervello usa come esperienza personale, ma che alla nostra anima non occorrono, in quanto noi siamo.

Le immagini future sono le cosiddette proiezioni, costrutti mentali che anticipano e co-creano il nostro futuro. Istruzioni che noi mandiamo all’Universo intero.

Conoscendo il modo in cui attivare tali informazioni, siamo in grado di scegliere il corso del nostro destino.

Ordine Cosmico

Usato talvolta come sinonimo di Universo, s'intende un «sistema ordinato o armonico». L'origine della parola è il greco kòsmos che significa "ordine" ed è il «concetto opposto a caos». [cit. Wikipedia]

L’Universo è un sistema ordinato ed armonico, in cui tutto il creato coopera, scambiando informazioni.

Ogni creatura chiede, offre e riceve. In continuazione. Dalla più piccola zanzara alla più grande delle galassie.

Il figlio dell’uomo è consapevole di come avviene lo scambio, desidera, ringrazia ed accoglie.

Siamo nati per sperimentare, costruire noi stessi e crescere. Accogliamo il cambiamento con gioia, perché nulla può offendere ciò che Dio ha creato.

Ti Amo, mi dispiace, ti prego perdonami, Grazie!

I Più Visti

Parabola del figliol prodigo

Tratto dal vangelo sinottico di Luca 15:11-24
25/02/2014 tratto dal Vangelo Sinottico di Luca 15:11-24

Privacy notice

10/06/2013

Affronta la sfida...di cosa hai paura?

Del ridicolo? Del cambiamento? Paura di qualcosa di nuovo?
Che la paura non ti immobilizzi!
Abbi il coraggio di uscire dalla tua confortevole scomodità,
c'è meglio di questo stato di tranquilla disperazione.
04/04/2014 D. Ikeda

Distacco dai legami

Discendo di era in era per proteggere i giusti, annientare i malvagi e ristabilire i principi della legge. Sri Krishna
06/03/2014 Davide Gurgone

Sviluppare la gratitudine

C’è sempre qualcosa per cui essere grati. Gautama Buddha
Basta guardarsi attorno, per accorgersi delle meraviglie del creato. Inizialmente è necessario fare uno sforzo, alle volte sembra sempre davvero tutto nero attorno a noi, ma non appena si cominciano a selezionare i pensieri, ci si rende conto che alcune cose non sono proprio brutte, qualcosa è anche accettabile, anzi, no… Questa qui è interessante, bella, mi piace! Grazie!
09/03/2014 Davide Gurgone

Tributo agli Dei

Il cielo è carico di nuvole eppure l’aria sembra immobile. Tutto intorno persone stanche, logore dalla giornata di lavoro, preoccupate. Energeticamente a pezzi. Eppure non c’è una reale ragione per cui tutto debba essere diverso da settimana scorsa. I progetti proseguono, il lavoro continua, le entrate sono le stesse. Che cos’è cambiato?
21/05/2014 Carmelo Davide Andrea

Lancillotto Gobbo

Tra le pieghe dello spazio tempo ho scovato questo dialogo tratto dal "Mercante di Venezia", che ben rappresenta il conflitto interiore che si può manifestare dentro di Noi, quando desideriamo ardentemente qualcosa. In questo contesto si tratta del desiderio di libertà. Quanto spesso siamo noi a porci dei limiti alla nostra libertà. La schiavitù è una condizione della mente, uscire da questa condizione non è facile, il lavoro è arduo, ma il premio è il più elevato che si possa maturare sulla terra: La libertà.
26/09/2014

Il solo successo è verso noi stessi

Attorno a noi una proiezione del nostro Universo interiore, mostra noi stessi attraverso il prossimo e gli accadimenti di tutti i giorni.
20/02/2014 Davide Gurgone

Gamers - Giocatori

Non sono un video giocatore incallito, come per fortuna la maggior parte delle persone su questa terra, ma credo che alcuni concetti siano ormai familiari a molte generazioni
13/03/2014 Carmelo Davide Andrea

Destinati Al Successo

Scopro ciò che sono attraverso ciò che non sono. In principio un pensiero primario, entra nelle menti, come un vento fresco, tra le fessure delle persiane in una mattina di primavera.
25/02/2014