Distacco dai legami

Discendo di era in era per proteggere i giusti, annientare i malvagi e ristabilire i principi della legge. Sri Krishna

Durante il corso delle nostre vite, la nostra anima si carica come una batteria. Ogni emozione, colore, suono, evento, va ad aggiungere punti esperienza, che ci trasciniamo attraverso l'eternità.

Il dolore non è che un atto momentaneo. Ciò che al momento ci sembra eterno, per la nostra anima non è che un battito di ciglia, lungo le linee della vita, eppure ciò che accade spesso ci turba, crea sofferenza o preoccupazioni. Perché?

L'attaccamento a ciò che abbiamo, in termini di beni materiali, ma anche relazioni o semplicemente abitudini, porta a generare sofferenza nel momento in cui queste cose vengono meno. L'attaccamento genera la paura di perdere e da essa derivano un corollario di sentimenti affini e deleteri, come l'invidia, la gelosia, l'accidia, etc.

Facciamo un passo indietro ed assumiamo che le uniche due emozioni principali, da cui fioriscono tutte le altre sono la paura e l'amore. Esse sono in antitesi!

Ogni istante della nostra vita irroriamo lo spazio di energia, frequenze vibratorie, un po' come una radio. Immaginate un sassolino nello stagno. Ogni emozione, genera onde attorno a noi, informazioni, recepite dal subconscio di chi ci sta attorno.

La forza di queste informazioni è tale che produce addirittura uno specifico odore, che ad esempio gli animali possono sentire: «la paura emette puzza, mentre l'amore sprigiona una fragranza soave.»

Anche gli esseri umani percepiscono questi odori, solo non se ne rendono conto in modo cosciente, ma reagiscono agli stimoli, coerentemente con quanto programmato nei propri demoni interiori.

Immaginate ad esempio un ragazzo alla guida di un auto, apparentemente sereno, che parcheggia davanti ad un bar. Il ragazzo, ogni volta che usa l'auto, dentro di se ha il terrore che le forze dell'ordine gli facciano una multa, eppure ha parcheggiato bene ed è prudente alla guida.

Esteriormente appare tutto normale, ma interiormente il demone porta il corpo ad assumere atteggiamenti di paura. Così, pochi minuti dopo, due carabinieri vedono l'auto parcheggiata, non sanno nemmeno loro la ragione, ma sanno che devono fare una verifica. Chiedono al ragazzo documenti, fanno perquisizioni, finché non trovano qualcosa che non va e gli attribuiscono una pena esemplare, per magari un faro troppo alto.

Apparentemente è un'ingiustizia, invece tutto è andato secondo i piani. Qualcuno mostrava paura, si sentiva in difetto e qualcun'altro ha aiutato a comprendere.

Questo è un teatro che avviene costantemente in ognuno di noi. La paura governa intere vite, finché, sballottati da una parte e dall'altra, come trottole, non capiamo che possiamo governare l'intero processo di apprendimento e risveglio, creando gioia e amore attorno a noi

Per uscire da queste situazioni e cominciare ad essere padroni della propria vita, è fondamentale imparare a prendersi la responsabilità di tutto ciò che accade. Tutto, senza distinzione. All'inizio sembra assurdo, ma non siamo mai vittime, ma co-responsabili. Abbiamo in mano noi la palla, sempre!

Non è sempre immediato capire qual'è la nostra responsabilità in ciò che accade

In certi casi bisogna chiedere a Dio, all'Universo, al Supremo, a chiunque riconoscete come l'essere superiore creatore di ogni cosa:

«Padre, qual'è la mia responsabilità in tutto ciò? Come posso rimediare? Mi dispiace per tutto questo, ti prego perdonami, perché non sapevo ciò che stavo facendo. Grazie per tutto quello che mi dai in ogni istante, Ti Amo!»
Oppure, semplicemente: 
«Mi dispiace, Ti prego perdonami, Grazie, Ti Amo»

I Più Visti

Affronta la sfida...di cosa hai paura?

Del ridicolo? Del cambiamento? Paura di qualcosa di nuovo?
Che la paura non ti immobilizzi!
Abbi il coraggio di uscire dalla tua confortevole scomodità,
c'è meglio di questo stato di tranquilla disperazione.
04/04/2014 D. Ikeda

Parabola del figliol prodigo

Tratto dal vangelo sinottico di Luca 15:11-24
25/02/2014 tratto dal Vangelo Sinottico di Luca 15:11-24

Lancillotto Gobbo

Tra le pieghe dello spazio tempo ho scovato questo dialogo tratto dal "Mercante di Venezia", che ben rappresenta il conflitto interiore che si può manifestare dentro di Noi, quando desideriamo ardentemente qualcosa. In questo contesto si tratta del desiderio di libertà. Quanto spesso siamo noi a porci dei limiti alla nostra libertà. La schiavitù è una condizione della mente, uscire da questa condizione non è facile, il lavoro è arduo, ma il premio è il più elevato che si possa maturare sulla terra: La libertà.
26/09/2014

Ascolta il tuo cuore, esso conosce tutte le cose

Dedicato a tutti i sognatori, a tutti coloro che sanno che dell'altro li attende. Perché la tenacia vi rapisca e la forza vi sostenga. Abbiate il coraggio di essere luce nelle tenebre! Sempre.
03/02/2014 Davide Gurgone

Luce - Veicolo di informazioni

La luce è energia, ciò che gli indiani chiamano Prana. Se la osservi puoi scorgere l’impeto con cui penetra ogni cosa, riempiendo le lacerazioni create dalla paura che spesso pervade le coscienze, bonificando ciò che appare perduto. All’alba i mostri scompaiono, lasciando spazio alla luce. All’amore di Dio.
31/03/2014 Carmelo Davide Andrea.

Distacco dai legami

Discendo di era in era per proteggere i giusti, annientare i malvagi e ristabilire i principi della legge. Sri Krishna
06/03/2014 Davide Gurgone

Come la pioggia

Ho deciso di rompere il silenzio, per condividere con voi questo video del NY Times. Il video mostra il perché quando piove c'è odore di pioggia. Poetico e ci aiuta a vedere la bellezza anche in un momento che sembra difficile.
28/01/2015

La gioia - Momenti di ispirazione

La gioia richiede più abbandono, più coraggio che non il dolore. Abbandonarsi alla gioia significa appunto sfidare il buio, l'ignoto. Hugo Von Hofmannsthal, Il libro degli amici, 1922
02/02/2014 Davide Gurgone

Regalate al Mondo una persona ricca, sana, felice

Io dico continuamente alla gente che, se vogliono fare davvero la differenza nel mondo, se vogliono che il mondo sia un posto più ricco, più sano e più felice, devono regalare al mondo una persona ricca, sana e felice: VOI. Joe Vitale
19/02/2014 Davide Gurgone

Amare se stessi

Il fine settimana è occasione di riflessione, di conseguenza ci si muove a mano libera, sperimentando. In questo giorno bellissimo, regalo invernale, anticipo di primavera, vorrei condividere un esercizio su se stessi, che non ho letto mai su alcun libro, ma che ho sperimentato ed amato dal primo momento. Un piccolo esercizio per ricaricare le batterie alla mattina, quando ci sentiamo abbattuti o presi dallo sconforto per qualche evento che riconosciamo come esterno, ma che in realtà esterno non è, perché non esiste un fuori indipendente dalla nostra volontà. Esiste solo un universo interiore, che plasma ciò che definiamo realtà esteriore.
24/02/2014 Davide Gurgone

Destinati Al Successo

Scopro ciò che sono attraverso ciò che non sono. In principio un pensiero primario, entra nelle menti, come un vento fresco, tra le fessure delle persiane in una mattina di primavera.
25/02/2014